Blues in TOWN 2009

Anno di novità e di sperimentazione per il Festival Blues in Town ’09 e per La Mela di Odessa.

Il Festival internazionale di musica blues nel 2009 ha anticipato la sua programmazione e modificato la location.

Le performance di artisti di fama internazionale hanno animato la centralissima piazza Heraclea dal 16 al 19 luglio 2009. Uno spostamento mirato a restituire all’antica borgata cittadina, carente ormai della sua storica funzione aggregante, l’importanza che merita e al pubblico locale e non solo, il calore ancestrale e l’accoglienza della sua piazza.

2009 EC Scott

E’ stata una grande diva del blues e del R&B, l’artista dalla voce calda e seducente, cresciuta a Oakland, in California: E.C.Scott . A lei l’onere e l’onore di aprire, sul palco di Piazza Heraclea, il Blues in Town ’09.

2009 Basilicata Blues Connection

Blues firmato Basilicata per la seconda serata del festival con i Basilicata Blues Connection, ovvero una réunion di tre grandi band lucane; si tratta dei:

Dipinto di Blues di Matera gruppo versatile che spazia dal blues, al funk, al rock;

Blue Cat Blues di Potenza. Band dal sound e look assolutamente originali;

ResPubblica di Policoro un progetto musicale nato nel 2007 e affermatosi ultimamente con una produzione tematica: “ResPubblica experience: viaggio nella storia del Blues”.

2009 Arthur Miles

Ad accompagnare la band un grande artista: Arthur Miles bluesman dalla straordinaria esperienza che ha collaborato anche alla realizzazione dell’album di Zucchero “Blues”.

Ancora eccellente musica internazionale con Larry Ray sul palco del BiT ’09 per la terza serata del festival.

A concludere l’ultima serata di questa edizione è stata l’esaltante esibizione del cantante, pianista e chitarrista britannico Mike Sanchez, uno dei performer di Rhythm & Blues e Rock’n’Roll più carismatici al mondo.

Grande novità della sesta edizione è stato il Blues in Town preview. Per favorire la riscoperta del centro storico, l’offerta musicale è stata realizzata in quattro differenti aree di interesse commerciale e culturale (Villa Comunale, Piazza Ripoli, Borgata Casalini, Via Siris). Oltre 30 ore di musica ed eventi live che hanno  preceduto gli ospiti internazionali nel corso delle quattro giornate. Più di 12 blues band si sono alternate sui vari palchi della città. Policoro si è riempita di musica dalle 19 alle 22, precedendo il concerto principale di piazza Heraclea, per poi riprendere dopo la mezzanotte. Tra le band protagoniste della maratona musicale: Giò Vescovi, Max Gaudio Trio, Rainbow Bridge, The Blackie, Mimmo Massafra e l’Orchestra Giovanile Moderna, Marco Smile, Joe Cover, 20th Century Band, Slow Drags.

In un’edizione caratterizzata dalla capacità di trasformare un’intera città in un grande palco musicale, non poteva mancare l’appuntamento classico con i seminari musicali gratuiti, spazi pomeridiani dedicati ai workshop, allestiti dalle 18 all’interno della villa comunale di via Siris. L’intera area adibita alla formazione è stata strutturata per promuovere e diffondere la cultura di diverse   tipologie di strumento musicale: chitarra, basso elettrico, batteria, voce, tromba, sassofono, pianoforte, armonica a bocca, affidati alla professionalità e alla competenza di docenti di musica provenienti da tutta Italia.