Blues in TOWN 2005

2005 Brenda White

1 AGOSTO – Brenda White

La seconda edizione del Blues in Town si apre con l’esibizione della vocalist Brenda White & Morblus Band. Brenda è  di Chicago e la sua potente voce è in grado di trasmettere emozioni uniche ed intense, frutto di un’ espressione musicale che spazia tra diverse contaminazioni, uno stile come ama definire “come un piano ad 88 tasti”. Il primo dei grandi concerti del 2005 inaugura un’edizione all’insegna del blues più tradizionale.

2005 Thornetta Davis

2 AGOSTO – Thornetta Davis

La protagonista della seconda serata, che per oltre 15 anni ha inebriato e dominato i più importanti eventi musicali del Michigan, è Thornetta Davis. La cantante statunitense ha portato nell’anfiteatro Segni  tutta la sua energia musicale, energia proveniente dalla sua capacità di realizzare, ogni anno, oltre 200 spettacoli negli Stati Uniti. Con la sua voce, uno straordinario miscuglio di potenza, melodia e omogeneità, strega il grande pubblico presente, ritagliandosi uno spazio da protagonista tra i migliori performer del festival jonico. Più di 7.000 persone seguirono i ritmi e le tonalità della straordinaria vocalist, già premiata come interprete del miglior gruppo R&B negli Stati Uniti.

2005 Ptha Brown

3 AGOSTO – Ptah Brown

La terza serata del 2005 è di Ptah Brown “la donna che canta il blues con potenza e grazia”. Il suo talento è assolutamente duttile e dinamico; è infatti cantautrice, vocalist, attrice e anche didatta. La sua voce limpida, espressiva e penetrante da soprano leggero, durante l’esibizione policorese ha generato un grandioso impatto emotivo sul pubblico presente. Nonostante qualche goccia di pioggia, oltre 5.000 persone continuarono a seguire la sua straordinaria esibizione.

2005 Tony Coleman

4 AGOSTO – Tony Coleman

La prima edizione si è chiusa con un must del blues italiano. Il 4 agosto il secondo anno di Blues In Town si è concluso con la straordinaria esibizione di Tony Coleman, simbolo del blues internazionale. Istrionico, coinvolgente, dinamico,  un vero onemanshow. Per i fortunati 10.000, quella del 4 agosto è stata una serata di grande musica e spettacolo. Naturalmente è stata la sua batteria a dettare il tempo dello spettacolo. Talento naturale allo stato puro, premiato nel 1998 come miglior batterista R&B dalla rivista “Drum Magazine”, ha conquistato la piazza conducendola verso uno spettacolo unico e irripetibile. Alle sue doti di batterista, che lo hanno portato ad esibirsi con le leggende del blues internazionale, Bobby Blue Band ed il mitologico The King of the Blues Mr. B.B. King, unisce le grandi capacità vocali e istrioniche.