Pat Girondi & Orphan’s Dream

13782119_1070870189615960_2885181267910334269_nPat Girondi è un cantautore che da oltre 20 anni porta le sue canzoni su vari palchi internazionali. La vita artistica di Pat cambia nel 1998, quando incontra Kenneth Barnard, proprietario della Street Music Factory e, insieme, collaborano per levigare e per ottenere sempre il meglio dalla voce ai testi delle canzoni. Il primo singolo commerciale, “Colpo di Cuore” è stato pubblicato dalla Street Factory Records nel 2002. Il successivo disco “Orphan’s Journey”, conferma il successo internazionale di Pat e diviene anche colonna sonora del documentario Focaccia Blues.
Il successo del disco ha fatto guadagnare a Pat “L’Indie International Artist of the Year Award” nel 2007, votato dall’Associazione Indie Music Writer’s.
L’ultimo disco di Pat “Orphan’s Hope”, distribuito in 20 Paesi, è la sintesi completa di tutta la sua esperienza come cantautore. Pat-G ha suonato in tutta Italia e negli Stati Uniti, dai piccoli club, ai grandi festival estivi. Si è esibito al “Theater Harris” a Chicago e Navy Pier, su palchi calcati da artisti come Tony Bennett, Chicago e Boz Scaggs. Durante il suo recente US Tour Pat-G si è avvalso della collaborazione di musicisti di grande bravura ed esperienza a livello internazionale come Ronnie Graham a.k.a “Ronnie G” e ha condiviso il palco con Ramsey Lewis Gerey Johnson e Mike Logan, con The Ultimate Concept Band e The Mad Hatter.


Tia Carroll

Tia Carroll si è costantemente confrontata con leggendari cantanti come Tina Turner, Koko Taylor e Aretha Franklyn. Si è esibita con leggendari icone del Blues come Jimmy McCracklin & Sugar Pie DeSanto in Canada, Francia e Italia. Premiata come miglior  West Coast Blues Female vocalist nel 2007 e destinataria del Jus Blues Music Foundation come Traditional Blues Woman Of The Year 2008 e Band Leader of the Year nel 2009. Nel 2009 Tia si è guadagnata ottime recensioni durante il tour europeo, soprattutto per la performance tenuta in Svizzera al Lucerne Blues Festival.
Tia Carroll è nata e cresciuta a Richmond, California, ascoltando musicisti come Stevie Wonder, Larry Graham, Ike & Tina Turner con cui si è esibita, successivamente, nel corso della sua carriera.
Ha promosso una raccolta fondi, attraverso un tour di 12 giorni con la Bay Area Blues Society e Zakiya Hooker in Tailandia sull’isola di Koh Samui per raccogliere fondi per i sopravvissuti dello tsunami. Pochissime cantanti donne R&B hanno ricevuto consensi così importanti come è accaduto a Tia nel corso della sua carriera per la qualità del suo lavoro e profonda serietà nella musica.
La sua reputazione è sicura e si può definire una delle migliori cantanti Blues e R&B del panorama contemporaneo.


Eugenio Finardi

eugenio-finardi-isola-in-collina

Figlio di Eloise Degenring – una cantante ed insegnante lirica statunitense, perfezionatasi a Milano – e di Enzo Finardi, tecnico del suono bergamasco, ha doppio passaporto italiano e statunitense. Inizia la carriera negli anni settanta come musicista rock. Il successo arriva con l’album Sugo che porta in sé due delle sue canzoni più famose, La radio e Musica ribelle. Segue l’album Diesel del 1977 considerato tra i suoi migliori, che contiene altri brani divenuti famosi come Non è nel cuore, Diesel e Non Diventare Grande Mai. Durante tutti gli anni ’80 e ’90 è protagonista indiscusso del panorama discografico italiano ed internazionale con album e singoli di successo. Tuttavia, mostra una certa insofferenza verso l’industria discografica e ritorna, nel 2003, all’ambiente della musica alternativa con un progetto sperimentale insieme a Francesco Di Giacomo, cantante del Banco del Mutuo Soccorso, e Marco Poeta dedicando Il silenzio e lo spirito del 2003 alla musica portoghese. Il 2005 è l’anno di Anima Blues in cui Finardi celebra il suo amore per questo genere, un album di inediti in inglese che riceve consensi dalla critica e positive recensioni su riviste internazionali di settore. Dal 2007 al 2013 si dedica a progetti musicali che spaziano dalle sue antologie al suo ritorno al rock delle origini, alle sonorità degli esordi. Nel 2016 celebra la sua lunga carriera musicale con il “40 anni Musica Ribelle Tour”, che lo sta conducendo sui maggiori palcoscenici dei festival europei ed internazionali, toccando, per la prima volta in carriera, anche l’estremo Oriente con tre date in Cina all’inizio di giugno.